23 marzo 2018

MAI PENSATO ALLA CARTA DA PARATI PER LE TUE STANZE? VEDIAMO ALCUNE IDEE

La carta da parati è senza dubbio, tra gli elementi di design, che maggiormente ravviva le pareti conferendo un nuovo stile a ogni stanza della casa.

La tappezzeria da parete, ultimamente, sta riscoprendo una nuova popolarità, grazie alla versatilità degli ambienti in cui può essere usata: si adatta bene in tutte le camere di casa compreso il bagno e la cucina, potendo optare per una carta di tipo smacchiabile. Grande impiego anche nei negozi, negli uffici, nei bar e negli hotel, in quanto la carta da parati rende i locali più accoglienti e piacevoli da viverci, dando l'impressione che le camere piccole siano più grandi e confortevoli. La scelta del colore e del disegno, inoltre, conferirà gusto e personalità alla stanza, regalando una piacevole armonia a tutto l'ambiente.

Carta da parati, tra praticità e risparmio.
La molteplicità di tipologie di carte da parati, che oggi si trovano in commercio, permettono di poterne scegliere la differente composizione per meglio adattarla al proprio uso. Accantonata l'idea che la tappezzeria non faccia respirare le pareti, ancor più con il supporto tecnologico odierno con cui questi prodotti sono realizzati, sia l'applicazione al muro che la successiva manutenzione, necessitano di pochi, seppur sapienti, accorgimenti. Scegliere un buon prodotto farà si che la resa sia ottimale per diversi anni, occorrerà solo di tanto in tanto una passata con un panno umido per asportarne la polvere che con il tempo si deposita. Avete mai pensato perché negli hotel la tappezzeria viene preferita rispetto all'imbiancatura delle pareti? La carta da parati, allo stesso tempo, decora anche i muri creando così già metà dello stile della camera. Basterà poi acquistare pochi mobili, per completarne l'arredo. Ciò vale anche a casa, una carta di grande impatto visivo permette un minor investimento nella scelta dei mobili.
Novità e materiali delle carte da parati.
Se ancora storcete il naso al pensiero di utilizzare in casa la carta da parati, le nuove tipologie che offre il mercato vi faranno sicuramente cambiare idea. L'effetto casa della nonna è di gran lunga superato, grazie ai nuovi materiali di cui sono fatte. La scelta, può infatti, ricadere su materiali naturali, come il bambù, la seta, i fili d'erba e il sughero talvolta lavorata in rilievo e che ben si adatta ad uno stile minimale ad alto impatto ecologico. Se, invece, volete puntare sulla luminosità, senza dubbio le tipologie metalliche conferiscono ambienti esclusivi, con giochi di luce e riflessi. Esistono poi carte da parati effetto pelle, legno, mattoni, stoffa stropicciata o con applicazioni di perline di vetro. C'è solo l'imbarazzo della scelta.
Ricordate la carta da parati degli anni 70?
Se volete saperne di più su come togliere le macchie dalla carta da parati, i trucchi e i suggerimenti per le stanze dei fumatori, conoscere quali sono gli attrezzi usati dal tappezziere o se vi piacciono le tappezzerie murali a tema floreale - potete scoprire quella più adatta a voi secondo il vostro segno zodiacale - il sito di riferimento è cartadaparatideglianni70.com. All'interno del blog una serie di nozioni vi aiuteranno a risolvere i quesiti che man mano si presenteranno quando state scegliendo il prodotto che fa al caso vostro. Fornitissima anche la sezione dello shop, dove c'è un'ampia suddivisione in base ai materiali, ai motivi e ai designer per i propri ambienti. Il nome del sito si rifà agli anni Settanta, periodo di grande diffusione non solo in Italia della carta da parati tra le mura domestiche. Proprio questo periodo storico è il cavallo di battaglia del sito Carta da parati degli anni 70 che, reinterpretando i motivi vintage, ha dato loro la possibilità di essere conosciuti su scala mondiale e partecipare alle più importanti fiere di settore nel panorama internazionale.
Ad ogni stanza il suo colore.
Quando si rinnova casa è bene tenere in considerazione il significato evocativo di ogni colore, in modo da avere una totale armonia con gli ambienti in cui si vive. Il colore giallo, ad esempio, è adatto per la stanza dei bambini così come per l'ufficio perché stimola la creatività. Per la camera da letto e il bagno occorre optare per il colore blu, perchè trasmette una sensazione di calma e di concentrazione. In salotto e in cucina via libera, invece, con i toni caldi che vanno dal rosso all'arancione, in quanto stimolano l'energia e donando un senso di vivacità. Il viola, poi, mette di buon umore mentre il nero dà energia ad un'ambiente, cercate quindi di ridurne al minimo il suo impiego. 

__________________
Testo: B.Bovio @iblocnotes
Foto: @workandsea, @cartadaparati70, @ejinteriors


1 marzo 2018

My (first) Easter diy

::I was compensated for this post. This post also contains affiliate links and I will be compensated if you make a purchase after clicking on my links::

Buon inizio di Marzo! Qui oggi tempo piovoso e temperature in leggero aumento, dopo la neve caduta negli scorsi giorni non sembra proprio che ci stiamo avvicinando alla primavera e a Pasqua. Complici le scuole riaperte, questa mattina ho avuto un attacco di creatività, così mi sono divertita con il mio primo video progetto. Il tema è la Pasqua con una semplice creazione che potrete fare anche voi da usare come centrotavola, ghirlanda da appendere, spazio alla fantasia e iniziamo ad colorare casa in vista delle belle giornate di sole!
Occorre un filo, a voi la scelta dello spessore, io ne ho usato uno di colore giallo, che ha avuto una buona resa durante tutta la creazione, forbici, fiori di plastica con forature da ambo i lati, perline grosse e uova di plastica colorate (io ho usato queste in basso, ma sono simpatiche anche quelle in basso con le facce, per progetti più spiritosi). Se avanzate delle uova le potete riempire con caramelle e cioccolatini, si aprono facilmente in due parti, e organizzare una divertente caccia alle uova.
Essendo le uova già forate da ambo i lati occorre semplicemente creare una sequenza  a vostra scelta, ad esempio perlina, fiore, uova e infilare così tutto sul filo. Semplice no? Ricordatevi di fare uno o più nodi da ambo i lati quando pensate di aver terminato la vostra ghirlanda (come vedete in foto io l'ho appena su una cassettiera in salone), in modo da fissare il tutto. 




Qui c'è il video completo, siate simpatici con i commenti è il primo che realizzo inaugurando il mio canale Youtube. E voi avete in mente qualche progetto in questo periodo sul tema della Pasqua? Fatemi sapere così verrò a dare un'occhiate a cosa avrete realizzato!



_______________
Text and Video: B.Bovio @iblocnotes
Photos: @punttim, DollarTree.com

26 febbraio 2018

Home style: Curtains

Come ogni interior designer ci insegna, le tende esaltano lo stile di una stanza grazie al loro tessuto, lunghezza e colore. E se proprio durante il periodo napoleonico si sviluppò la moda di tende dagli ampi drappeggi riccamente ricadenti sul pavimento, da Venezia arrivavano i damaschi, broccati e velluti più pregiati. Scegliere le tende giuste per la propria casa può essere talvolta complicato. Sinceramente un pò lo è stato anche per me, quando ho dovuto arredare la nuova casa di Roma. Per chiarirmi le idee sono andata alla ricerca di ispirazioni su uno dei siti di arredamento che preferisco, Elle Decor. La lettura di semplici consigli mi ha sciolto dalle mie ultime indecisioni.
/@amberinteriors

Tende e tessuti: alcuni pratici accorgimenti.
Promossi i tessuti come il lino, la seta e il velluto per la resa ottimale del prodotto finale. In ambienti luminosi è comunque sempre meglio optare per la seta sintetica, che rispetto quella naturale ha una maggior resistenza nel tempo. La designer Suysel DePedro Cunningham spiega, ad esempio, che se si scelgono tessuti troppo pesanti le tende poi potrebbero non piegarsi nel modo desiderato quando fissate al muro, ma al contrario fate attenzione anche ai tessuti troppo leggeri perchè potrebbero non ricadere bene quando si montano sui bastoni. Quando si è in negozio, un'altro accorgimento, è quello di dare uno sguardo ai tessuti davanti ad una finestra per vedere concretamente l'effetto creato dalla stoffa. Inoltre, scegliere sempre su un'abbondante campione di tessuto aiuta a rendersi conto della versatilità del materiale e dei suoi colori. In questo caso, gli arredatori consigliano di scegliere su non meno di 2 metri di tessuto. Ci sono poi tessuti che proteggono anche dal freddo. Avete presente le tende spesso usate negli alberghi oltre ad essere ignifughe, sono molto resistenti agli urti, non fanno passare la luce e trattengono il calore. Realizzate in doppio materiale foderato, spesso sono in velluto o in tessuto damascato, sono ideali per coprire ampie vetrate domestiche.
/@elledecor
/@orlovamaria

Tende e colori: quali scegliere?
Ricorda che la luce del sole, col tempo, svanirà i colori dei tessuti: se la stanza è generalmente molto luminosa, è meglio evitare i colori accesi, poiché tenderanno a scolorire più velocemente. Ahimè questo l'ho sperimentato personalmente nella casa di Ostuni. Avevo creato le tende del salone di colore fucsia usando il tessuto con cui si fabbricano i sari, i tipici abiti femminili indiani. Mi ero innamorata della stoffa e la resa sulle pareti in tipica pietra bianca pugliese era un'incanto. Peccato però che, queste tende, dopo alcuni anni si siano decisamente rovinate: la stanza era soleggiata in estate e sia il materiale che il colore ne avevano risentito fortementeScegliendo colori neutri non si sbaglia mai perchè ben si uniformano con la stanza ed inoltre le tende saranno meno soggette a scolorimento. 
/@vancouverisland
/@yachmenov
/@paris_interieurs

Reggitenda , orlo e lavaggio: sicuri di sapere tutto?
Altro quesito che spesso ci poniamo è quanto alto posizionare il bastone reggitenda sopra la finestra? Anche in questo caso ci sono d'aiuto gli home designer i quali consigliano che per dare l'impressione che la stanza sembri ancora più alta, occorre posizionare le tende più in alto rispetto la finestra di almeno 15 centimetri, l'effetto sarà maggiore se alzate maggiormente il bastone. Se vi piace cercare ispirazioni in rete per uno stile classico ed elegante, digitate fancy curtains perchè sono tra le parole chiave più cliccate nel settore dell'arredamento d'interno. Mentre per quanto riguardo l'orlo se desiderate creare un aspetto moderno sicuramente le tende dovranno essere a filo con il pavimento, per un ambiente più elegante e classico lasciate che l'orlo scivoli riccamente sul pavimento. Se avete scelto un tessuto che vi permette di lavare le tende in lavatrice, effettuate un primo lavaggio e successivamente procedete con l'orlo, spesso la stoffa tende a restringersi un pò. Se al contrario l'etichetta riporta il solo lavaggio a secco, non occorre portarle in tintoria prima dell'orlo, ma attenetevi alle istruzioni di lavaggio per evitare di danneggiare il tessuto con lavaggi fai da te.
Mai pensato a delle micro tende come quelle nell'ultima foto? Donano un tocco particolare alla stanza!
/@elledecor
/@neonbrand

_________________
Text: B.Bovio @iblocnotes