5 giugno 2019

STORIE DI CAVALLI E DI STILE

Il Principe Harry è arrivato a Roma senza la sua Meghan e il piccolo Archie, dove ha partecipato (e vinto) alla Sentebale ISPS Handa Polo Cup: una competizione all'insegna dell'eleganza e dell'impegno sociale.

   
::I was compensated for this post. This post also contains affiliate links and I will be compensated if you make a purchase after clicking on my links::

Il duca di Sussex lo scorso 24 maggio, è arrivato a Roma per partecipare alla Sentebale ISPS Handa Polo Cup, competizione annuale di polo a sostegno dei bambini e dei giovani affetti da HIV nell'Africa meridionale. L'evento di raccolta fondi si è svolto al Roma Polo Club, tra i più antichi circoli italiani ed ha riunito ospiti illustri provenienti da tutto il mondo che hanno dimostrato il loro supporto al lavoro di beneficenza svolto dell'associazione Sentebale che il Principe Harry ha fondato nel 2006 assieme al principe Seeiso del Lesotho.

La partita ha visto la vittoria per 9 a 6 del Sentebale St. Regis sul team statunitense Polo Assn. Harry adora giocare a polo, lo pratica da quando era ragazzino partecipando a circa otto tornei all'anno, non a caso quindi per il secondo anno consecutivo si è aggiudicato la vittoria insieme alla sua squadra il capitanata dal suo amico e ambasciatore della fondazione Sentebale l'argentino Nacho Figueras, soprannonimato il David Backham del polo per la sua bravura in campo, è infatti fra i primi cento giocatori al mondo di polo e per la sua bellissima famiglia. Sua moglie Delfina Blanquier lo ha accompagnato a Roma per la gara, eccellente amazzone con uno suo brand di moda dallo stile molto raffinato. Nacho Figueras assieme a Sarah Siegal-Magness e Michael Carrazza hanno sfidato la squadra rivale, dove si è notata l'eccellente performance di Malcolm Borwick, capitano della squadra statunitense ed ex giocatore di polo internazionale dell'Inghilterra, conosciuto anche come il Roger Federe a cavallo, insieme ai giocatori Ashley Busch, ambasciatrice del label Polo Assn.Chet Lott e Cable Siegal-Magness. In campo si sono potute ammirare ottime prestazioni sportive, dove per una volta si è accantonata la competizione per far spazio alla solidarietà. 
 La Sentebale ISPS Handa Polo Cup è una competizione che vede tutti alla fine tutti vincitori e si svolge da nove anni in diverse località in tutto il mondo. Questa è stata la prima volta per il club di polo romano, che vanta una lunga storia di visite reali sia tra i giocatori che di appassionati spettatori, come la presenza della Regina Elisabetta che ha assistito ad una partita di polo circa settant'anni fa, e Filippo duca di Edimburgo rivestiva il ruolo di capitano della squadra inglese.

Tra tutti gli sponsor che hanno partecipato alla realizzazione di questo evento esclusivo ci sono il St. Regis Hotels & Resorts, Royal Salute e U.S. Polo Assn. Quest'ultimo ha rivestito anche il ruolo di partner ufficiale per l'abbigliamento della Sentebale ISPS Handa Polo Cup 2019, creando maglie da performance personalizzate per tutti i giocatori di polo e fornendo t-shirt polo a tema a tutto il personale dell'evento, oltre ad essere uno degli sponsor della squadra americana. Sentebale e U.S. Polo Assn. hanno anche collaborato ad una capsule di abbigliamento che è stata presentata in un negozio pop-up per offrire ai partecipanti l'opportunità di fare shopping a favore dell'associazione Sentebale.
Lo stile proposto da U.S Polo Assn. racchiude un'eleganza moderna sempre attuale. Adatto alla vita di tutti i giorni e per tutta la famiglia grazie ai nuovi arrivi delle collezioni in ogni stagione. La scelta è molto ampia si va dall'abbigliamento, agli accessori ispirati al mondo dell'equitazione e del polo con un occhio di riguardo al taglio, alla fattura e allo stile che negli anni rimane sempre sobrio e di alta qualità. Una polo abbinata ai pantaloni rende adatto un look anche nei suoi dettagli, completandolo con una cintura e un paio di sneakers risulta perfetto e comodo per una giornata al parco in famiglia così come per una passeggiata in centro con gli amici.

_______________________________
Foto: Sentebale, Io Donna, Vogue, U.S Polo Assn.
Testo: B. Bovio @iblocnotes

29 marzo 2019

EASTER DIY: UOVA DI PASQUA CON PALLONCINI E SPAGO

Celebrare l'inizio della primavera e l'arrivo della Pasqua realizzando uova decorative fatte con spago e palloncini grazie ad un progetto, semplice e divertente.

::I was compensated for this post. This post also contains affiliate links and I will be compensated if you make a purchase after clicking on my links::

Tra non molto sarà Pasqua, una festa che evoca anche l'inizio della primavera. Le tinte pastello e le decorazioni floreali regalano alla casa un'aria allegra e fresca in ogni sua stanze perché, quindi, non realizzare qualcosa di carino grazie ad un progetto super easy? Ci sono davvero tantissimi DIY su questo tema che si possono fare per celebrare la natura che si risveglia dopo il letargo invernale. Sicuramente tra quelli più semplici c'è la creazione di uova pasquali, indiscusso simbolo di rinascita primaverile della natura, realizzati con i palloncini e lo spago. Un progetto molto utilizzato per le decorazioni delle palline natalizie, personalmente la sua versione pasquale è stata una vera e propria scoperta.  La facilità e il divertimento restano invariati, così come la voglia di sporcarsi un pò le mani in un nuovo e piacevole progetto. Il procedimento è davvero molto semplice e di grande effetto una volta portato a termine, occorrono pochi passaggi e del materiale facilmente reperibile. 
Easter Egg Decoration
Vediamo insieme cosa occorre per realizzare le uova di Pasqua
spago
fili di cotone colorati
palloncini di gomma
colla vinilica
pennello
acqua
forbici
carta

Come prima cosa occorre gonfiare i palloncini, bisogna tenere conto che più si gonfiano e maggior spago e filo bisognerà utilizzare nella realizzazione. La dimensione ottimale è quella leggermente maggiore rispetto ad un uovo vero e bisogna ricordare di cercare di creare, quanto possibile, una forma ovale.
Supplies for Yarn Easter Eggs
Blow up your balloons
Successivamente aggiungere alla colla vinilica con un pò d'acqua (in alternativa c'è un fantastico prodotto che si chiama Mod Podge® già pronto all'uso senza il bisogno di diluirlo) e spennellare tutto il palloncino. Questa è un'operazione che richiede attenzione, perché è bene accertarsi di coprire tutti gli spazi del palloncino, solo in questo modo lo spago e il filo di cotone che ora andremo a posizionare aderiranno completamente.
Questo passaggio è sicuramente il più divertente: non appena finito di spennellare il palloncino con la colla bisogna avvolgere il filo di cotone in modo casuale, ma ben teso, intorno al palloncino. Nel progetto in foto, per darvi un'idea, è stata utilizzata una bobina di circa 2,5 metri.
Use a sponge brush to coat Mod Podge®
Sopra al filo colorato, per dare un'aspetto più "pieno" al nostro uovo, sovraporre lo spago  in modo casuale ma avendo l'accortezza di andare a coprire eventuali spazi bianchi lasciati in precedenza con il filo colorato. Un'ultima spenellata di colla vinilica sulla nostra matassa di fili permetterà una tenuta extra. Fate asciugare per almeno un'ora il palloncino su una superficie ricoperta con  la carta per non sporcare di colla e procedete con lo stesso procedimento per ogni altro uovo che volete realizzare. 
Cover in yarn
Quando sia il filo colorato che lo spago saranno completamente rigidi, significa che sono asciutti e che si può procedere con il passaggio finale che ci porterà ad avere delle belle uova pasquali: tagliate con le forbici il nodo del palloncino in modo da sgonfiarlo e tirarlo fuori. Le nostre uova pasquali sono finite e pronte per essere posizionate all'interno di un centro tavola come rappresentato in queste foto oppure a voi la scelta, sono sicura che questo progetto che ho letto sul blog dello store Dollar Tree saprà esaltare il meglio della vostra creatività!
Let your Easter eggs dry
       Buona Pasqua!

____________________________
Testo: B.Bovio @iblocnotes
Foto: @annahelsinki, Dollar Tree

1 marzo 2019

CARTA DA PARATI SU MISURA CON IMPRESSO

La carta da parati è ritornata di gran moda nell'interior design e grazie alle nuove tecniche è sempre più personalizzabile secondo le proprie esigenze. Andiamo in Toscana a conoscere il team di Impresso, azienda leader nel settore, che ha saputo unire al proprio progetto l'amore per l'arte.

carta da parati di design Polvere e Sale
Corsi e ricorsi della tappezzeria
Le pareti delle abitazioni sono state, fin dagli inizi, una fonte di ispirazione per l'arredamento d'interni. Già nel Medioevo, gli arazzi adornavano le stanze dei palazzi più prestigiosi dell'epoca, seppur con il passare del tempo e l'evolversi degli stili la scelta estetica di colorare le pareti non si è mai completamente persa, anzi è arrivata fino a noi. Non si può poi dimenticare il grande boom della carta da parati negli anni Settanta, la quale rivestiva ogni angolo della casa con pattern dai grandi fiori e disegni geometrici. Più recentemente, la tappezzeria ha riacquistato fascino nella progettazione degli spazi interni, sapendosi uniformare con lo stile di un ambiente dove il bianco lascia spazio al colore. Unico accento di risalto e di spessore per le pareti in uno spazio monocromo è sicuramente la carta da parati 2.0, la quale si è saputa adattare alle mode diventando un vero e proprio oggetto d'arredamento, pezzo forte dell'interior design.

Impresso, l'arte della carta da parati made in Italy
Continuamente alla ricerca dell'alta qualità artigianale prodotta nel nostro Paese, sono stata in Toscana, da sempre culla della cultura, dell'arte e delle antiche tradizioni, dove ho avuto il piacere di conoscere Willemijn del team di Impresso. Questa azienda fiorentina realizza e stampa carta da parati su richiesta, oltre ad avere delle loro collezioni con un'ampia scelta di colori e di motivi. Ho fatto due chiacchere con lei su quello che è il loro lavoro e sul perché il trend delle carta da parati è in notevole crescita negli ultimi anni. Mi ha raccontato che le collezioni che Impresso crea sono pensate da un fotografo loro amico e che la domanda di design su richiesta è sempre in aumento. Inoltre, recentemente, l'azienda ha prodotto alcuni video tutorial per "insegnare" a disegnare la carta da parati. Attraverso Inkscape, un programma gratuito, si impara passo dopo passo a creare autonomamente una tappezzeria del tutto personalizzata. Questo servizio agevola il lavoro degli architetti e degli arredatori che hanno già un loro progetto e necessitano di realizzare al meglio le aspettative del cliente. 
carta da parati di design collezione Arte Antica
carta da parati di design collezione Arte Antica
carta da parati di design collezione Natura
Impresso: un gruppo di esperti al servizio del consumatore
Nel team di Impresso lavora anche Rodolfo, il quale da anni si occupa di stampa su grande formato per la realizzazione della carta da parati. L'idea di fornire un servizio fai da te si è sviluppata come una logica conseguenza per rispondere alle esigenze della propria clientela. Attraverso alla collaborazione con l'amico fotografo Guido Cozzi, molto attivo nel campo della fotografia contemporanea, Impresso ha sviluppato diverse collezioni di carta da parati con motivi unici. In questo modo, dopo l’avvio dell’attività, vi è stata una forte richiesta da parte della clientela di avere un prodotto esclusivo e personalizzato. Infatti, i clienti hanno richiesto fin da subito di poter stampare la carta da parati apportando modifiche, ad esempio relative ai colori, che consentissero loro di avere un prodotto quanto più possibile aderente allo stile del proprio ambiente. Si è così pensato di offrire uno strumento dove poter sviluppare in assoluta autonomia il proprio progetto. E’ bello - dice Willemijn - pensare ad un prodotto, realizzarlo e vedere che alla fine rispecchia la propria idea iniziale. Il fatto di crearlo in totale libertà aggiunge poi valore in termini di praticità e di velocità nella realizzazione.
carta da parati di design collezione Palazzi
Qualità e scelte sempre più ecologiche
Ho chiesto inoltre a Willemijn il motivo che ha riportato alla ribalta la carta da parati in questi ultimi anni e lei mi ha spiegato che vivere la casa è sempre più cool. Oggi si tende a ricercare la praticità e la funzionalità all'interno della propria abitazione, in modo che gli spazi rispecchino fortemente la nostra personalità. La carta da parati si è inserita perfettamente in questa nuova tendenza. Attualmente, infatti, non viene più usata come una volta con la semplice funzione di coprire tutte le pareti di un ambiente. Essa funge piuttosto come decoro per rendere la parete stessa una componente vitale dell’arredamento dell’ambiente. Spesso la carta da parati viene applicata esclusivamente su una parete o talvolta solo su parte di una essa. Inoltre, poter realizzare una carta da parati che si abbini perfettamente con i colori dell'arredamento esistente, secondo le specifiche esigenze del cliente, è una straordinaria possibilità che permette di avere uno stile unico che si armonizza perfettamente con il resto dell'ambiente attraverso la creazione di un'atmosfera gradevole per lo spazio in cui si vive o si lavora. 

La tappezzeria dei giorni nostri, mi spiega infine Willemijn, ha come unica alternativa quella del lavoro realizzato a mano da un decoratore, che seppur di pregevole valore artistico non sempre rientra nel budget che si è prefissati. In questo caso, quindi, la carta da parati funge da ottima alternativa. In modo significativo, infine, apprezzo il rispetto per l'ambiente dell'azienda Impresso all'interno della propria lavorazione, avendo adottato stampanti ed inchiostri ecologici che lavorano a basse temperature e consumi ridotti, così come la passione e la professionalità con cui realizzano la carta da parati che poi viene spedita in ogni angolo dello stivale.

______________
Testo: B.Bovio @iblocnotes